#SpazioAssociazioni: la proposta educativa del Cngei ai giovani, per costruire un mondo migliore

05/10/2020

Partire dai bisogni dei giovani, educarli al rispetto e all’impegno verso se stessi, gli altri e l’ambiente, aiutarli a diventare responsabili e capaci di fare scelte, per contribuire alla costruzione di un mondo migliore: è una proposta a tutto tondo quella che il Cngei, movimento educativo scout di ispirazione laica, offre a bambini e ragazzi dagli 8 ai 19 anni.

Grazie al servizio gratuito dei volontari – spiega Marco Basciutti, responsabile educativo della sezione di Venezia – l’associazione, che a livello locale conta un centinaio di ragazzi e 34 adulti (sul territorio nazionale gli iscritti sono invece circa 15mila, tra soci in età educativa e adulti), svolge un’azione educativa laica, indipendente da ogni credo religioso e da ideologie politiche, per aiutare i ragazzi a diventare protagonisti delle proprie relazioni personali e sociali, imparando ad accogliere le diversità, incentivando il dialogo e l’interiorizzazione dei valori.

All’interno del Cngei, che sul territorio veneziano è presente dal 1976 (a livello nazionale l’associazione ha più di 100 anni di storia alle spalle) si possono svolgere molti servizi: a livello locale, regionale e nazionale come “capi” scout, a diretto contatto con i ragazzi, oppure a livello amministrativo funzionale-gestionale all’organizzazione. L’associazione accoglie tutti gli adulti, dai 19 anni, che aderiscono ai valori scout e agli scopi del Cngei e che vogliano mettere a disposizione il proprio tempo e la volontà di formarsi. Se siete interessati a collaborare potete contattare la Sezione locale più vicina (per l’area veneziana basta scrivere a veneziascout@nullgmail.com) che saprà fornire tutte le informazioni utili a fare una scelta di adesione consapevole. In collaborazione con le Sezioni, il Settore Risorse adulte fornisce poi la formazione e gli strumenti per un servizio di qualità ad ogni livello. “L’unico requisito fondamentale – spiegano i referenti locali – è la voglia di sperimentare e di mettersi in gioco. Non è assolutamente necessario aver fatto esperienza di scoutismo da giovane, non si è mai troppo grandi per fare gli scout!”.

“Un’esperienza di volontariato gratificante – racconta Basciutti – che regala grandi soddisfazioni. Essere scout è un’esperienza che ti fa crescere e si sente: aiuta a incrementare doti come il lavoro di squadra, la leadership, l’essere preparati per poter affrontare le difficoltà e risolvere i problemi, dare un contributo in più alla nostra società. Non mancano inoltre le occasioni per rendersi utili al prossimo, ad esempio scegliendo di essere coinvolti durante emergenze di protezione civile, di cui Cngei è associazione riconosciuta, accedendo ai benefici di legge”. 

Per ulteriori informazioni visita il sito dell’associazione nazionale, dove puoi trovare FAQ e testimonianze: https://cngei.it/diventare-scout-da-adulti/

Venezia, 15 ottobre 2020